Com'è fatto un succo 100% frutta

Com'è fatto un succo 100% frutta

Il processo di produzione di un succo varia a seconda che lo stesso sia ottenuto o meno da un succo concentrato. Prendiamo il succo di arancia come esempio:  

Succo non da concentrato 

Come per tutti i succhi di frutta, la storia del succo d'arancia comincia nei campi, dove si coltiva la frutta. I coltivatori locali coltivano le arance fino a quando diventano mature e pronte per essere raccolte manualmente. Una volta che il frutto maturo è raccolto, va dritto alla fabbrica dove viene accuratamente selezionato – solo le arance mature e integre sono selezionate per il succo d'arancia. Il processo di controllo procede rapidamente affinchè la frutta non perda nessuno dei suoi nutrienti naturali e rimanga ricca di vitamine e nutrienti. Non appena il frutto arriva direttamente dai campi, esso viene accuratamente lavato e pulito prima di essere spremuto. Una volta che il succo viene spremuto dall’arancia, di solito viene leggermente pastorizzato per mantenerlo fresco più a lungo, una pratica comunemente e ampiamente accettata che aiuta a proteggere i nutrienti naturali del frutto e a mantenere la qualità premium. 

Da concentrato 

Questo processo ha qualche fase in più. A seconda della tecnica, il succo è o riscaldato dal vapore, così l'acqua del succo evapora, o ultra-filtrato e poi concentrato applicando la tecnica dell'osmosi inversa. Il succo concentrato è nato! Successivamente, si riaggiunge l'acqua al concentrato e il succo viene adeguatamente miscelato per raggiungere la massima qualità. Infine, il succo d'arancia è confezionato in un modo che è stato pensato per proteggere le vitamine ei minerali dagli effetti della luce, dalla temperatura e dall'aria. In questo modo, si può bere nella sua condizione ottimale.

Bibliografia